Realist Artist

Vincenzo Gemito

Pin
Send
Share
Send
Send





Vincenzo Gemito [1852-1929rođen u Napulju 1852. godine, smatra se najznačajnijim talijanskim kiparem s kraja devetnaestog stoljeća i sve se više smatra jednim od svojih najvećih crtača. Njegovo poreklo nije bilo obećavajuće. Dijete sirota dok je bio usvojen od strane siromašnog majstora, bio je izašao kao pomoćnik vajara Emanuela Caggiana u dobi od devet godina. Zatim se neformalno vezao za starijeg ali naprednijeg vajara Stanislao Lista, koji ga je očigledno ohrabrio da radi iz uličnih modela.
Stekavši vještine modeliranja u glini i vosku, mladić se samostalno postavio. Godine 1868. izlagao je skulpturu na Promotrice di Belle Arti u Napulju, Card Player, koja je pokazala da je neapeljski ježinac češao po glavi i proučavao ruku karata. Rad je imao veliku sreću da privuče pažnju Viktora Emmanuela II, kralja Italije, koji je kupio bronzanu odeću za kolekciju Capodimonte, značajnu čast za šesnaestogodišnjeg vajara.





Gemito je kultivisao neku vrstu grubog realizma u interpretacijama svojih subjekata, prenetih kontrastnim grubim i glatkim površinama. Njegov opus za crtanje držao je korak s njegovom skulpturom, a ono što je na odgovarajući način nazvano njegovom "naturalističkom bizarnošću" vidi se 1876. u terakoti kineskom Acrobatu i također u seriji studija olovaka i riba koje su kulminirale. u bronzanom malom dječaku Fisher (Museo Nazionale del Bargello, Firenca). Od 1877-1881. Gemito je živio u Parizu, gdje je bio prijatelj vajara Ernesta Meissonniera, čiji se rad nije mogao razlikovati od njegovog. Po povratku u Napulj uključio je još jednu nit tradicije u svoje djelo, onu svojih klasičnih prethodnika u Pompejima i Herkulaneumu, što je rezultiralo brončanom skulpturom nosača vode (Galleria Nazionale d'Arte Moderna, Rim). Godine 1883. osnovao je svoju brončanu livnicu za odlivak izgubljenog voska. Filadelfijski muzej umjetnosti posjeduje bronzanu poprsje svojeg zaštitnika, baruna Oscara de Mesnila, ubijenog u životnoj veličini "za 12 sati"1885 (E1990-91-1). Džemitov stil nije se mogao podvrgnuti veličanstvenim javnim spomenicima, a proizveo je samo jedan takav opsežan rad, mermerni Karlo V, Sveti rimski car, koji je naručio Umberto I, sin Viktora Emanuela II, kao dio niza od osam vladara da ukrasi fasadu Palazzo Reale u Napulju.


Gemito je 1887. godine doživio neku vrstu mentalnog kolapsa, a do 1909. godine ostao je pustinjak, prvenstveno vezan za crtanje. Vratio se kiparstvu oko 1910. godine, i od te godine pa do njegove smrti, njegove sklonosti su uzimale još jedan ekscentrični preokret od realizma modernog života i mitoloških subjekata. Radio je u malim razmerama, često povećavajući svoje površine plemenitim metalima. Imaginarni portreti pojavili su se dvadesetih godina prošlog stoljeća, uključujući i jednog od Aleksandra Velikog i glava Meduze. Kritički prijem posrnuo se kao odgovor na njegov kasniji rad, uprkos otvorenom divljenju pjesnika Gabriele d'Annunzio. Gemito je umro u Napulju 1929. godine. | Mimi Cazort, sa talijanskih majstorskih crteža u Filadelfijskom muzeju umjetnosti (2004), kat. 74.








Giuseppe Verdi [1813-1901]
































































GEMITO, Vincenzo - Nacque a Napoli od 16. jula 1852 e, quando aveva appena un giorno, fu deposto nella ruota dello Stabilimento dell'Annunziata. I 30 godina kasnije, Giuseppina Baratta, žena Giuseppe Bes. Dopp la la morte del marito, la baratta nel 1863 sp. Francesco Jadicicco, profesija muratore, quel "Mastro Ciccio" tante volte raffigurato nella produzione plastica del Gemito.
U indonezijskoj zemlji se neprekidno potiče, ali je g. Trascorse un'adolescenza povera e turbolenta, legandosi di assidua konsuetudine con coaneaneo Antonio Mancini, detto Totonno, anche nelle precoci esperienze artistiche. Česti studiji o iscrtavanju su: fudbalski ragazo di Emanuele Caggiano, i dodici, Stanislova lista, promotivni dello studio del vero nella scultura. Il 23 apr. 1864 fu ammesso a seguire i corsi del Regio Istituto di belle arti, ma cercò piuttosto ispirazione nei vicoli del centro antico e nel circo Guillaume allogato al teatro Bellini. Risale al 1868 il suo esordio alla mostra della Società promoci di belle arti di Napoli dove espose il Giocatore.

U potrazi za kupcima - kupac Vittorio Emanuele II u kolekciji Capodimonte - dopunite modularni pittorico i uživajte u zabavama koje će vam pružiti vizualni doživljaj i spontani doživljaj. Il G. confermò priče novità formali nel Ritratto del pittore Petrocelli (Napoli, kolekcija Minozzi) plazma intorno al 1869, a riprova dell'intolleranza verso la codificazione accademica dell'arte scultorea, che si muoveva allora fra le incertezze del romanticismo e gli ultimi esiti delle correnti canoviane.
Inoltre, insieme con altri artisti ribelli all'arte ufficiale - tra i quali, oltre a Mancini, Giovanni Battista Amendola, Vincenzo Buonocore, Achille D'Orsi, Luigi Fabron, Ettore Ximenes - il G. prese in affitto uno studio nell'ex convento di S. Andrea delle Dame. Qui presero forma le delikatna testine datate 1870-72 i konzervirati Napoli, mirabili po vivacità di sguardi e naturalezza di atteggiamenti, quali Moretto, Scugnizzo e Fiociniere (kolekcija del Banco di Napoli(), Malatiello e Fanciulla velata (Museo nazionale di S. Martino); Tražite sculture i uživajte u terakotama, a plastične kuglice će vam pružiti realističnu realističnost, kao što je to slučaj s varijacijama koje se odnose na mobilne uređaje.
Nel 1871, al concorso annuale per il penziono artistico romano, il G. si klasificiran kao primarni posto con il rilievo Giuseppe venduto dai fratelli (Napoli, Galleria d'arte dell'Ottocento dell'Accademia di belle arti) giustificando la stima del professore di pittura Domenico Morelli. Per il saggio di statuaria realizo Bruto (terakota: Roma, Galleria nazionale d'arte moderna), la sua prima immagine dichiaratamente kolegata al mondo antico che andava studiando al Museo nazionale di Napoli.

Nel 1873 conobbe Matilde Duffaud, koji se nalazi u mirnom okruženju, a nalazi se u studiju u kojem se nalazi Capodimonte. Dello stesso anno sono i busti bronzei rafiguranti D. Morelli i G. Verdi e quelli in terracotta raffiguranti F.P. Michetti ( tRoma, Galerija nazionale d'arte moderna) e Totonl'amico mio. U hotelu se nalazi i šljunčana plaža Mariano Fortuny koja je udaljena samo 16 km od Portića, a nalazi se u blizini znamenitosti Roma i Roma. Ovo je stranica od Ritratto diGuidoMarvasi (Napoli, okuplja Banco di Napoli), figlio del prefetto napoletano Diomede, tra i primi mecenati dello scultore i collezionisti delle sue opere.
Proizvedene plastične gitare i srodne brojeve za repliku: sačuvajte podatke, podatke i publikacije koje su privatne i privatne. Ovo je posebno pogodno za rutinski način rada, kao što je studio za precizno podešavanje prirodne temperature, kao i za inteligentnu instalaciju u odnosu na model koji opisuje i označava temperaturu. Rotta l'accademica simmetria nella costruzione dei busti, lo scultore modellò la creta po di di porre, cercando il movimento al fine di rendere con veridicità l'espressività della vita, senza ricercatezze formali gratuite. Izvrsno, sa odličnom opremom, ima veliki broj soba sa grivenom grivenom životinjom, što znači da je klasična klasa idealna za upoznavanje modernih gostiju.
Nel 1876 trasferì lo studio nei pressi del Museo nazionale, česti da allora regolarmente kopiandone le sculture di Pompei ed Ercolano, u cui trovava un ricco patrimonio di beton soluzioni kreativni. L'anno seguente partecipò all'Esposizione nazionale di belle arti di Napoli i al Salon parigino dove, predstaviti po interessamento del noto mercante Alphonse Goupil, ottenne buon uspjeh di pubblico, a posebno, po Gran Pescatore o Pescatore napoletano, u bronzo a grandezza prirodan (Firenze, Museo del Bargello).
Il Pescatore napoletano

Il Pescatore napoletano - ripresentato all'Esposizione universale parigina del 1878, dove il G. consolidò con un medaglia la notorietà presso i Francesi, e in seguito più volte esposto in Italia e all'estero riportando numerosi premi - appare in bilico su uno scoglio nell U hotelu se nalazi trpezarija za kućne ljubimce, a gosti se mogu opustiti u prorompere, a gosti se mogu opustiti i uz nadoplatu. Il G. scelse je fancyullo del loo quale costante ikonografija della sua produkcija grafike i plastike grejp dijalekte i corpo di adolescente nudo al samo quale banco di pro di di un'apassionata costruzione plastica e volumetrica, negli anni più controllata ma pur semper dinamica e vitale.
U ovoj studiji se mogu naći različite verzije tema koje se odnose na ovu temu, tako da možete dobiti sve što vam je potrebno da biste dobili dozvolu za upotrebu, da biste mogli da koristite sledeće usluge, kao što su: rimanere, esempio, equilibrio i un grosso sasso insaponato allo scopo di studiare le fasce muscolari u momentu di sforzo. Tale interesse ne špijunira sertifikat za semplice curiosità aneddotica, ai giustifica appieno con qualche eco della fortuna romantika degli scugnizzi e dei costumi popolari, né con la suggestione dell'arte dei "pastorari" napoletani e con la lezione seicentesca di matrice caravaggesca (nel 1915. il G. dipinse una tempera dal Bacchino malato della Galleria Borghese), e tanto meno risponde a moventi sociali. Uređaj se može koristiti u istom stilu, kao što je to slučaj sa verzijama koje doprinose razvoju (ne radi se o konfliktu i slagalicama), već se mogu koristiti u skladu sa svojim potrebama.
Nudimo vam mogućnost da se odlučite za proizvodnju proizvoda koji će vam omogućiti da se bavite proizvodnjom - da li će vaši pacijenti biti voljni i da će vam pomoći da se odlučite za posao, ili da odlučite da li ćete se odlučiti za filtraciju, kao i za definiciju, kao što su: fedelmente gli spunti antichi e da retoriche declamazioni.
Trasferitosi Parigi nel 1877, riunitosi con l'amico Mancini i raggiunto dalla Duffaud, ottenne i uspjeh mondano ma non benessere economico, po un'incauta amministrazione. Eseguì il Ritratto di Cesare, Correnti commissario italiano all'Esposizione universale parigina del 1878 (la versione in bronzo e oro, del 1880, si konzerva presso la Galleria nazionale d'arte moderna di Roma); Correnti, già ministro della Pubblica Istruzione, gli aveva Commissionato la traduzione in marmo del Bruto, mai compiuta.
Al Salon del 1878 predstavio je buste u bronzi: quello ricoperto d'argento del pittore G. Boldini, allora residente a Parigi, e quello di J.-B. Faure, cantante i collezionista degli impresionisti; al Salon seguente, golubica ottenne la medaglia di terza classe, predstaviti Ritratto del dottor Landolt (geso: Firenze, kolekcija privatne privatnosti) e quello del pittore Federico de Madrazo (terakota: Venecija, Museo Fortuny); a iz 1880. godine izlaže se u bronzanom filmu Paul Dubois, koji se bavio umjetnošću i umjetnošću, a među ostalim je bio poznat i po brončanoj brončanoj glazbi, kao što je Ritratto di G. L. Ernesto Meissonier.
Uživajte u miru i osebujnosti u miru i tišini u Meissonieru, koji će vas oduševiti u kupanju i kupovini, kao i po želji kupca. predilezione della rifinitura formale che il bronzo consente per l'elegante minuzia descrittiva del cesello. Il Ritratto di Meissonier se nalazi na 1880. godini u Torinu. IV zona je poznata po svojoj najomiljenijoj brončanoj ponudi Amedeo d'Aosta, duca di Genova, koja se nalazi u gradu Parizu.
Tornato definitivamente a Napoli all'inizio del 1880, il G. lavorò senza tregua po più di un anno all'Acquaiolo (bronzo: Roma, Galleria nazionale d'arte moderna), dalla posa sbilenca e malferma per un gioco di membra in movimento eppure statiche. Rilettura del Fauno danzante di Pompei i riprodotta u innumerevoli esemplari, l'opera fu composta a ricordo della città partenopea su Commissione, tramite Filippo Palizzi, di Francesco II di Borbone, l'ex re di Napoli esule a Parigi.
Morta precocemente Matilde po tisi nell'aprile del 1881, il G. si ritir po alcuni mesi a Capri disegnando molti ritratti dal vero, sulla scorta dei quali modellò Rosa (esposta al Salon parigino del 1882). L'anno seguente sposò Anna Cutolo, deta Nannina, la modella di Domenico Morelli; e nel 1885 nacque la figlia Giuseppina: bie e figlia saranno entrambe ispiratrici di opere del G.na slici je Ritratto di Anna Gemito, del 1886, u terakoti i na južnoj strani: Roma, Galleria comunale d'arte moderna e contemporanea).

Nel 1883 fu esposto alla Promoteri napoletana il bronzo Il filosofo con la dicitura "Nec plus ultra": se l'opera appare una scultura antica ispirata alla Testa dello Pseudo-Seneca del Museo arheologico napoletano, le 'sembianze ricordano quelle di Mastro Ciccio amato anziano patrigno, validno kolaboracioniranje sa Tommaso Celentano i Pietro Renna nella fonderia di via Mergellina, avviata proprio in quell'anno grazie al finanziamento del barone belga Oscar de Mesnil e attiva sino al 1886.
Nel 1883 ad Anversa furono tributati al G. zbog diplomatskog dijaloga koji prati raspisivanje dijaloga medjunarodnih dijaloga; zbog anno dopo, nella stessa città, sve'Esposizione universale lo scultore ottenne la medaglia di prima classe con una rappresentativa selezione di opere, tra cui la prima copia del Narciso rinvenuto a Pompei (Napoli, palazzo reale: del 1886 je replika na Diego Pignatelli d'Aragona Cortes konzervata nell'omonimo museo napoletano).
Il G. ricevette inoltre da Umberto I la commi di di statua marmorea più grande del vero raffigurante Carlo V da collocare in la delle nicchie della facciata del palazzo reale di Napoli e, u seguito, di un Trionfo da tavola in argento per la reggia di Capodimonte. Messo in crisi dall'inconsueta tematica storica (po katalogu i dokumentima koji se odnose na Meissonier u potrazi za drugim životinjama u Parizu 1885).Napoli, Muzej Capodimonte); del Trionfo od tavola komponirati soltanto il bozzetto in ceraRoma, Galleria comunale d'arte moderna e contemporanea) U seriji sa brojnim disegnijama, dai quali emerge il conflitto provocato da quella combinazione di figure anticheggianti - personificazioni di fari italiani - con decorazioni di sapore barocco secondo il gusto francese contemporaneo.


Si manifestarono allora i sintomi di un esaurimento psichico (causato dalle vicende personali, dall'insoddisfazione dei risultati raggiunti, dall'ossessiva ansia di superare se stesso) che lo portò al ricovero. Fuggito nel 1887 dalla casa di cura Fleuret, a segregity nell'abitazione di Tasso per trascorrervi, tra deliri, digiuni e allucinazioni, circa un ventennio, nel corso del quale i dedicò prevalentemente alla grafica, alternando momenti lucidamente creativi a periodi di solitaria alienazione .
Nel suočava se sa uspehom internacionalnih dell'artista era ormai solido i pratećih diktatora: Buenos Aires, nel 1886, vinse la medaglia d'argento di prima classe; a Parigi, nel 1889 e nel 1890, il grand prix per la scultura; ad Anversa, il diploma d'onore nel 1892; a Parigi, nuovamente il grand prix nel 1900. Gabriele D'Annunzio ne esaltò la potente vitalità di eco ellenica. U povodu interdisciplinarnog biennalea Venezia del 1903, il G. ebbe l'onore di esporre nella sala del Mezzogiorno insieme con Morelli. Inoltre, Achille Minozzi, amico i appassionato collezionista dell'opera gemitiana, volle consacrare la sua raccolta pubblicando nel 1905 una monografia lussuosa scritta da Salvatore Di Giacomo.
Morte la madre e la moglie, il G. riprese la vita pubblica nel 1909: po konsegnare il Pescatorello, richiestogli per la regina Margherita da Elena d'Orléans, duchessa d'Aosta, e per esporre, su incitamento di questa, alla VIII Biennale di Venezia i diemni su ambijentalni sadržaji napoletano u neuspješnom okruženju.
Allo scorcio del secolo appartiene la produzione incentrata sulla figura femminile: ritratti di popolane, le "zingare", riprese da sole o bambini nelle attitudini quotidiane e nella vitale gestualità (Maria la zingara, Nutrice, Karmela: Napoli, kolekcija Minozzi). Nezavisna porodična imena i autorska prava su značajna simbolična i pasivna (Autoritratto con Matilde Duffaud, 1880-81, sangigna acquerellata: kolekcija del Banco di Napoli), cui seguiranno quelli più tardi con la barba fluente e l'aspetto da profeta michelangiolesco, sia grafici sia plasticiAutoritratto, del 1921, u bronzi: Milano, Civica Galleria d'arte moderna).
Ormai i disegni ne sono più solo studi preparatori, ma autentici punti d'arrivo e il G., proprio perché liberato dal vincolo progettuale, appare vigoroso e fertilissimo. Negli anni, infatti, talenat dell'artista, nutrito dal tormento quotidiano za raggiungere la pienezza dell'espressione, trova nel disegno il personale appagamento creativo, dimostrando ne solo la padronanza della forma, ma anche la comprensione del fenomeno luminoso, la sapienza del gioco dei valori i dei toni perseguita con le tecniche più varie (matita, penna, acquerello, pastelo). Stupiscono la varietà di intente e di attuazione e la conoscenza delle risorse più efficaci a esaltare il movimento, l'energia e il senso della materia e dell'epidermide.
U produkciji plastičnih delova za decenio appare caratterizzata da iconografie storicizzanti o allegoriche (o comunque astratte dai temi sociali e quotidiani) e da studi dekorativi che mostrano maestria nell'orientarsi tra i soggetti antichi per riproporli alla maniera moderna. All'immediatezza giovanile si sostituisce l'elaborazione ricercata con preziosistico gusto da orafo, aiutato dal discepolo Salvatore Pavone nello sbalzo e nel cesello.
Del 1910 Sono le opere Sorgente e Giovinezza di Nettuno; del 1911, u intervjuu za medije Roma, Medusa (argento cesellato e dorato a fuoco: Malibu, CA, Muzej J. Paul Getty), oživljavanje ellenistico po cui trasse spunto dal fondo esterno della Tazza Farnese del Museo nazionale napoletano; al 1914 i al 1918 risalgono Inverno, Tempo, Vasaio, Fanciulla greca, Sibilla Cumana, Sirena, opere con cui porta una nota di prezioso estetismo nel nuovo clima simbolista.
Nel 1911 se nalazi u blizini Parco Grifeo di Napoli. Nel 1913 e nel 1915 partecipò rispettivamente alla XI Esposizione di belle arti di Monaco e all'Esposizione universale di San Francisco. Tra 1915-1917 fu spesso a Roma e dintorni (ritrasse figure di ciociare); scolpì la Madonnina del Grappa; concepì il progetto grafico za un monumento a Pio X raffigurante la FedeRoma, Galleria comunale d'arte moderna e contemporanea). Nel 1919 - Matteo Marangoni, allora deputato, ottenne dal Parlamento una "pensione d'onore" (mai consegnata a causa di disguidi burocratici) po il G., če si trovava u pessime condizioni finanziarie. L'anno seguente avvenne l'incontro a Napoli, dopo quarant'anni, con Mancini, cui altri ne seguirono Roma, dove il G. i recò spesso, impaziente di ottenere l'alloggio desiderato Castel Sant'Angelo dolaze l'invidiato Benvenuto Cellini. Nel 1922 nella capitale venne organizzata dalla rivista La Fiamma un'esposizione dell'opera gemitiana, si sostanziava u quegli anni di raffinate opere di cesello u oro e argento, prevalentemente u piccole dimenzije e di fattura classicheggiante. Nel 1924 l'artista fece l'ultimo, deludente, viaggio a Parigi.
Negli anni 1920-26 lavorit assiduamente intorno al tema di Alessandro Magno, protagonista di tante sue visioni, proponendo l'immagine ideale dell'eroe mitico in busti e medaglie, meditando sui prototipi antichi e concependo persino una scultura equestre. Al 1926 risalgono le sue ultime opere: Sibilla, argento, esposta alla Promotrice napoletana, e Ritratto dell'attore Raffaele Viviani (terakota: Napoli, Museo di Capodimonte), u cui sottile ç la resa psicologica al di là del realismo fisiognomico conseguito grazie alla tecnica esperta.
Lo Stato italiano, nel 1927, gli assegnò po volontà di B. Mussolini un premio u denaro di 100.000 lira. U samom centru grada Castelnuovo a Napoli, nalazi se antologijska pijaca iz 1927. godine. Il G. morì a Napoli il 1 ° marzo 1929. | di Emanuela Bianchi © Treccani, Dizionario Biografico degli Italiani

Pogledajte video: Vincenzo Gemito - O' Scultore Pazzo (April 2020).

Загрузка...

Pin
Send
Share
Send
Send