Italian Artist

Giacomo Favretto | Žanr slikar

Pin
Send
Share
Send
Send




Mletački slikar Giacomo Favretto (1849-1887) jedan je od najznačajnijih majstora italijanskog devetnaestog veka, uglavnom prikazujući žanrovske teme u svom rodnom gradu.inovator"Venecijanske škole tokom druge polovine veka, on je oživio i modernizovao jedinstvene aspekte velike Venetske tradicije, od Longhija do Tiepola - koji je napušten u prvoj polovini 19. veka u korist slika istorije i pejzaž.
Rođen u Veneciji u porodici skromnog porijekla, Favretto se upisao na Akademiju likovnih umjetnosti 1864. godine, gdje je trenirao pod Pompeo Molmenti. Za njega je rečeno da je otkriven u radnji u kancelariji za isecanje silueta da bi se preživjelo. Sa 30 godina izgubio je vid iz jednog oka.
Radove je predstavio 1873. godine na izložbi likovnih umjetnosti Akademije Brera u Milanu, gdje je njegova žanrska slika privukla pažnju Camillo Boito. Putujući u Pariz sa Guglielmom Ciardijem 1878. da bi učestvovao na Univerzalnoj izložbi, ponovo je predstavio rad na Breri 1880. godine, osvojivši nagradu Prince Umberto. Iste godine je učestvovao u Esposizione Nazionale di Belle Arti u Torinu sa djelima svakodnevnog života u Veneciji i scenama u kostimu iz 18. stoljeća. Potvrda njegovog uspjeha došla je 1887. godine na Esposizione Nazionale Artistica u Veneciji, gdje su radovi predstavljeni uključivši Liston Odierno (Promenada Danas u Veneciji) (1884, Galleria Nazionale d'Arte Moderna, RimU svojoj kratkoj ali intenzivnoj karijeri, Favretto je trebao postati izuzetno uspješan slikar. Preminuo je prerano 1887. godine, ostavivši nedovršenu na svom štafelajnom modernom šetnju, što je možda predstavljalo mogući venecijanski oblik najsavremenijih međunarodnih trendova, iako Bijenale nije trebalo da bude osnovano do 1895. godine u Veneciji.































Figlio di Domenico Favretto, modela falegname, a di Angela Brunello, je palača u Veneciji l 11 siječnja 1849. Ja primi insegnamenti gli furono impartiti dal conte Antonio de'Zanetti, a dalio zio di questi, il pittore Gerolamo Astolfoni.
Purtroppo la miseria in casa Favretto era grande, e s'imponeva la necessità che anche il ragazzo si guadagnasse il pane. Fu quindi fatto entrare dolaze u garzone in una bottega di cartolaio. Lil, nelle ore di quiete si dilettava a delle figurine di persone e di animali che con la matita disegnava, o con innata abilità coglieva i profili dei clienti che Frequavano la cartoleria. Da bi ste ga pročitali u novom izdanju, Vincenzo Favenza, antikvarijat, mogli ste da se bavite inženjeringom koji će vam omogućiti da se bavite umetničkim radom.
Fatto un esperimento presso lo studio del pittore Antonio Vason, golubica apprese le premijera nozioni di pittura, Favretto entrò quindi all'Accademia di Belle Arti.
Entrato nel novembre del 1864, continuerà a l'Accademia fino al1877 / '78, anche dopu la leine degli studi nel 1870.
Intanto la fama della sua genialità cominciava ad uscire dalla piccola e chiusa Venezia.
Scrive Boito ('Nuova Antologia', 1874): “Nei veneti ci sono zbog novellini eccellenti, Giacomo Favretto e Luigi Nono… ”. Gli anni a seguire sono tutti di sviluppo per la fama dell'artista, anche se la sua gracilità fisica lo condizionò non poco.
Fraretto se razlikuje od jednog do drugog studija, koji je ujedno i najrazličitiji, i dolazi s premijerom konsegulacije nel'anno akademije 1869-1870.
Nasce a Venezia il tVerismo”, Che vedrà u Favretto il maggiore artefice, l'iniziatore, e che probabilmente con la sua morte, nel 1887, in un certo senso chiuderà questo capitolo della pittura veneziana.
Nel 1873 un nuovo capolavoro, La lezione di anatomia, u ci vii risolto attraverso rapporti cromatici e di prospettiva del tutto nuovi.itandosi parecchi primi premi ed i suoi dipinti erano richiesti da privati ​​e commercianti, anche stranieri.
Con “La finta ammalata”, Tratta da una commedia di Goldoni, a apre un nuovo capitolo nella sua pittura e, da si soggetto sarà spesso motivo di polemica, ne dobibamo mai dimenticare la qualità pittorica dell'opera, resa da Favretto in maniera coloristica del tutto singolare e personale . Poiché possedeva una notevole memoria visiva, svolgeva il proprio lavoro senza necessità di alcun model, dipingendo tutto a memoria.
Nonostante la gloria e la ricchezza non avevano intaccato minimamente suo spirito ed egli rimase mite e modesto come semper. Nel 1884 inviava all'Esposizione di Torino cinque quadri, koji je oduševljen uspjehom u kritičnom smislu. Semper in questo periodo dipingeva quadri famosi dolaze u El Liston, prestižni studio za ispisivanje kostima koji su opremljeni, Dopunite svoj broj, La zanze, La Nina, Susanna e i vecchioni, El me dise rossa mia, Caldo, tanto per citare i più.
La sua breve carriera terminà durante l'Esposizione di Venezia del 1887, che fu per lui un vero trionfo. Non scampò alla febbre tifoide e morì 12 avgust 1887. Termina così con Favretto, un capitolo glorioso della pittura veneziana dell'Ottocento.






Pin
Send
Share
Send
Send