Renaissance Art

Cosmé Tura | Rano renesansni slikar

Pin
Send
Share
Send
Send



Cosmè Tura, Cosmè je također napisao Cosimo, (rođen c. 1430, Ferrara [Italija] - umro 1495, Ferrara), ranog talijanskog renesansnog slikara ⎆ koji je bio osnivač i prva značajna figura škole Ferrare iz 15. stoljeća. Njegova dobro dokumentovana karijera daje detaljan uvid u život sudskog slikara.
Tura je vjerovatno trenirana na radionici Francesca Squarcionea u Padovi i pod uticajem Andrea Mantegna i Piero della Francesca kada je posljednji umjetnik radio u Ferari (c. 1449-50Tura se preselio u Feraru 1456. godine, a 1457. godine živio je u Kastelu i zaposlio se u renesansnom dvoru knezova Este u Ferari (vidi kuću Este). Godine 1458. imenovan je za službenog slikara, a služio je sukcesivno knezovima Borso i Ercole I.



Njegov prvi poznati rad je slika, Rođenje (1458) za katedralu u Ferari. Pored mnogih slika i oltarnih slika koje je izvodio tokom svoje karijere, bio je odgovoran i za dizajne tapiserija, kostime turnira i druge funkcionalne predmete koji se često koriste na dvoru.
Takođe je ukrasio biblioteku Giovannija Pica della Mirandole. Precizna evidencija svake njegove komisije i iznos novca koji je plaćen za njih i dalje ostaje, tako da je moguće pratiti njegovu karijeru od godina ekonomskog prosperiteta do siromaštva s kojim se suočio neposredno prije njegove smrti. i značajan dekorativni slikar. Važnu ulogu koju je odigrao u kompleksnom i učenom ciklusu fresaka u palači Schifanoia u Ferrari (1469-71) još uvijek se može vidjeti.Ostali važni radovi uključuju njegovu Primaveru (c. 1460); Vrata organa koja pokazuju Navještenje (1469) u katedrali Ferrara; a Pietà (c. 1472); i oltar Roverella (c. 1472).
Slika na organskim vratima u katedrali u Ferari, koja je gore spomenuta, bila je neka od njegovih najboljih, vizuelno zapanjujućih radova. Spoljašnjost vrata bila je ukrašena Sv. sve više je naručeno slikanje portreta kraljevske porodice. Naslikao je trojicu od malog princa Alfonso I d'Este (1477i kasnije jedan od zaručenih Beatrice d'Este (1485Tura je ostao u tradiciji Squarcionea tokom svog života, ali unutar te tradicije razvio je svoj osobni idiom. Njegov rad karakterizira usađena, nervozna i žilava linija i upotreba pažljivo izvedenih detalja i sjajne boje. Njegove figure su obično ukrašene metalnim, kutnim naborima. | © Encyclopædia Britannica, Inc.












Tura, Cosmèpropr. Cosimo- PittoreFerrara 1430 circa - ivi 1495), uno dei principali esponenti della scuola ferrarese.
Nella su pittura confluirono gli apporti della scuola di F. Squarcione, di Mantegna del e della pittura nordica, posebno di R. van der Weyden, rielaborati u originalnom stile segnato da de deformante espressionismo, che costituì una cifra unica del Rinascimento settentrionale. Impegnato per più di un ventennio1458-86) alla corte di Borso je napravio / la Ercole I d'Este, dove lavorò ne solo come pittore, realizòò numerose opere tra le quali si ricorda quella je li ritenuta tra le più importanti, il polittico Roverella (1474).
  • Vita ed opere
  • Scarse le notizie sulla sua formazione, anche se appare fundamentale il rapporto con la scuola di F. Squarcione, con cui Tura entrò u contatto probabilmente durante un soggiorno a Padova intorno al 1453-56, e l'apporto dei riferimenti più aggiornati, dall ' opera di A. Mantegna je izašao iz umjetničkog lanca, gdje je bio u ponudi.paramenti, vesti, apparati per feste, mobili e suppellettili, dolazite u ricchissimo servizio d'argento, elogiato dalle fonti, per le nozze di Ercole i ed Eleonora d'Aragona) e di scultore, mentre sono pochi i suoi dipinti sicuramente datati.Tra le opere giovanili, il Ritratto di giovane (New York, Muzej Metropolitan) e la Madonna con il Bambino dormiente ( tVašington, Nacionalna galerija umetnosti), dove i più evidente l'influsso squarcionesco, e la Pietà (Venezia, muzej Correr), u cui si avvertono, anche nello schema compositivo, influssi tedeschi e fiamminghi.
    Nel 1460-63 Tura attese alla decorazione dello studiolo estense di Belfiore: potraga za starijim osobama u Ticaru (nota anche come Carità; Milano, muzej Poldi Pezzoli), forse non interamente di sua mano, e la cosiddetta Primavera (Londra, Nacionalna galerija) .Quest'ultima opera dimostra l'acquisizione di un linguaggio formale maturo, originale e complesso: alla figura immobile e assorta u malinconica astrazione fa riscontro la realizzazione del ricchissimo panneggio, dalle pieghe e spigolose, dall'aspetto quasi metallico; lmamagra atrae lo sguardo dell'osservatore tramite un'insistente ricerca del dettaglio bizzarro i fantastico e la resa di una materia che si rivela sorprendentemente preziosa e splendente.

    Tražite hotel u blizini Ferrara: Pronađite rutu do # dealername # t (1469), dove alla composizione statica e serena dell'Annunciazione, contenuta entro un rigoroso impianto prospettico, contrappone il dinamismo del S. Giorgio e il drago, che investe paesaggio e figure. U zadnje vrijeme pogledajte dokumentaciju o nella cappella dei Sacrati u S. Domenico (1467-68e nella cappella del castello di Belriguardo1469) .Intorno al 1470 si situa la decorazione del palazzo di Schifanoia, prodotto collettivo della scuola ferrarese; Tura dovette avere un ruolo fundamentale nell'ideazione i nell'organizzazione generale del ciclo decorativo, sebbene ne sia possibile attribuire con certezza alcuna scena alla sua mano.Al 1474 risale il polittico Roverella, già in S. Giorgio (parzialmente distrutto da un ordigno nel sec. 18º), ora divise tra vari musei: lo scomparto centrale con Madonna u trono, dall'accentuato verticalismo, a a Londra, National Gallery; la cimasa con il Compianto i al Louvre, mentor gli scomparti laterali sono a Roma, galleria Colonna (SS. Maurelio e Paolo) ed a S. Diego, galerija likovnih umjetnosti (frammento con S. Giorgio). A S. Giorgio i S. Maureliozbog tondi a Ferrara, Pinacoteca nazionale). Agli stessi anni risalgono il Cristo di pietà (Vienna, Kunsthistorisches Museum), il S. Girolamo già nella certosa di Ferrara (Londra, Nacionalna galerija(Madona)Bergamo, Accademia Carrara) .Negli anni Ottanta i rapporti di Tura con la corte estense sembrano divenire problematiki, nel 1483 egli ricorse in giudizio po ottenere i pagamenti per lavori di Belfiore, nel 1486 lasciò il servizio di corte.Tuttavia la sua opera proseguì in modo intenso; le opere più avanzate, la la Sacra conversazione (1480 circa, Ajaccio, Musée Fesch) e il S. Antonio da Padova1484 circa, Modena, Galleria Estense), forse parte di un polittico, sono segnate da una costruzione imponente delle figure, dall'intensa espressività e da arditi effetti cromatici. Riguardo all'attività di scultore gli è atribuita una piccola Pietà u terakoti smaltati (già a Firenze, coll. Ventura). | © Treccani, Enciclopedia Italiana

    Pin
    Send
    Share
    Send
    Send